Coltivazione del riso

Sistemazione del terreno

Il terreno per la coltura del riso (risaia) è perfettamente livellato, diviso in vasche molto basse, dette camere, mediante piccoli argini di terra alti 30–40 cm. Le camere vengono allagate dopo la semina nel caso di semine in asciutta come fossero bagnature, e nella maggior parte dei casi alle sommersioni delle camere, segue nel giro di pochi giorni la semina delle cariossidi di riso.

 

Il  raccolto

 Le spighe del riso maturano a settembre; con una mietitrebbia si svolgono contemporaneamente le due operazioni di mietitura e di trebbiatura.

 

Lavorazione del riso

La cariosside del riso appena raccolto si chiama risone o riso grezzo o riso vestito. Il risone diventa commestibile dopo varie lavorazioni, svolte in un’industria risiera.

La sbramatura viene fatta con due dischi a smeriglio, ruotanti in senso contrario e ad adeguata distanza, che rompono le glumelle senza intaccare il granello.

La sbiancatura è un nuovo passaggio fra due coni (uno dentro l’altro), dove una superficie smerigliata toglie i residui delle glumelle; si ottiene il riso semilavorato o mercantile.

La brillatura fornisce il riso brillato, bianco e lucente e traslucido.

 

Produzione e lavorazione del Prodotto

Il riso è avvolto dalle glumelle RISONE e subisce le seguenti lavorazioni: 

1. PULITURA: separazione dalle impurezze

2. SBRAMATURA: distacco e separazione delle glumelle della cariosside, le glumelle formano la lolla. 

3. SBIANCATURA: in cui si allontanano gli strati esterni della cariosside e l'embrione.

Il riso raffinato può essere brillato.

Nel corso della pilatura si ottengono i seguenti prodotti:

  • Il riso grezzo che è privato della lolla però ha ancora il pericarpo e l'embrione Il riso sbramato che ha subito una lavorazione incompleta alla sbiancatura e si usa nella lavorazione della birra.
  • Il riso raffinato che è il riso bianco che ha subito 3-4 passaggi alla sbiancatura e che viene destinato come sottoprodotto a lavorazioni speciali.Il riso comolino e oleato che si ottiene oleando la superficie del riso raffinato con olio di lino o divaselina.
  • Il riso brillato che si prepara a seguito di lavorazioni con talco e glucosio e si usa nell'alimentazione umana.

 

Contatti

Agriturismo Cascina Baracca di Ferrari Trecate Elena

Loc. Molino d'Isella, Fraz. Belcreda

27025 Gambolò, Pavia

telefono/fax: 366.7185513

info@agriturismobaracca.com